Autore Topic: Pubblicazione scrutini scuola  (Letto 12677 volte)

Offline pross

  • Esploratore
  • **
  • Post: 124
    • Mostra profilo
Pubblicazione scrutini scuola
« il: 19 Giu 2011, 18:32:09 »
Mi è stato chiesto di pubblicare i risultati degli scrutini di una scuola superiore.
Domando: sono documenti sottoposti a privicy?
per i quali non è prevista la pubblicazione.




Offline 56francesco

  • Fuori controllo
  • *
  • Post: 29585
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto in costruzione: basta giocare e facciamo sul serio.
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #1 il: 19 Giu 2011, 18:44:37 »
ti segnalo:
http://consult.andrenacci.net/privacy/codice-privacy-parte-ii/trattamento-nel-settore-della-istruzione
e poi la ottima guida per la privacy nella scuola sul sito del garante  che però non ho pubblicato e non trovo più nel sito del garante..

Si impegnano tantissimo in quel sito a nascondere i documenti..
dimmi te se sta ricerca è una ricerca o un gioco a nascondino?
http://www.garanteprivacy.it/garante/navig/jsp/search_result.jsp?currentOperation=search&dataFi=&searchKey=scuola%20istruzione&tipologie=&&keybolanno=&bollettinoNumero=&dataDoc=&fromRicerca=true&nextGroup=1&dataIn=&keybolmese=&currentArea=frontEnd&iddocum=&nextStart=36&nextGroup=1

comunque io mi preoccuperei anche di altro, ad esempio per quanto tempo i voti possono restare pubblicati? ammesso e non concesso che si possano visto che non seguo più quel settore per ovvie ragioni, perchè questo potrebbe comportare una corresponsabilità del webmaster nella violazione del diritto all'oblio.

(uso XP perchè win98 non si installa) 
PS: non sono un dipendente dello sbonzor quindi è necessario un "per favore" alla richiesta e un "grazie" alla risposta, sempre! PPS: non scrivo mai per primo in MP, in caso contrario chiedimi una conferma, Grazie.

Offline 56francesco

  • Fuori controllo
  • *
  • Post: 29585
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto in costruzione: basta giocare e facciamo sul serio.
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #2 il: 19 Giu 2011, 18:49:02 »
trovati, li avevo postato qui nel forum, eccoli


http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1723730

http://www.garanteprivacy.it/garante/document?ID=1721480

li pubblico su issuu così li ritrovo, non si sa mai ..
(uso XP perchè win98 non si installa) 
PS: non sono un dipendente dello sbonzor quindi è necessario un "per favore" alla richiesta e un "grazie" alla risposta, sempre! PPS: non scrivo mai per primo in MP, in caso contrario chiedimi una conferma, Grazie.

Offline 56francesco

  • Fuori controllo
  • *
  • Post: 29585
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto in costruzione: basta giocare e facciamo sul serio.
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #3 il: 19 Giu 2011, 18:58:09 »
di certo il voto in religione e la esenzione dalla attività sportiva sono dati sensibili, ma a te che importa, ti pagano e fai..
 ;)
(uso XP perchè win98 non si installa) 
PS: non sono un dipendente dello sbonzor quindi è necessario un "per favore" alla richiesta e un "grazie" alla risposta, sempre! PPS: non scrivo mai per primo in MP, in caso contrario chiedimi una conferma, Grazie.

Offline pross

  • Esploratore
  • **
  • Post: 124
    • Mostra profilo
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #4 il: 19 Giu 2011, 19:37:24 »
Non non mi pagano, come la maggior parte degli insegnanti "et amore dei"
Le cose funzionano così: solitamente tutti sapienti....
ma quando scoppia ....... ma come Lei non ci ha avvisati! ma come lei non lo sapeva!


Offline 56francesco

  • Fuori controllo
  • *
  • Post: 29585
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto in costruzione: basta giocare e facciamo sul serio.
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #5 il: 19 Giu 2011, 20:47:43 »
io come genitore e come appassionato di informatica mi inc.....rei tantissimo se dovessero pubblicare in rete i voti dei miei ragazzi, e una letterina al garante la farei,

la prima cosa che ha detto mio figlio con ancora la toga della laurea magistrale (109) è stata: alla facciaccia delle maestre delle medie che dicevano che non ero portato per gli studi!  sinceramente non avevo mai intuito quanto quelle megere avessero influito sul mio ragazzo così tanto da ricordarsene ancora..

no, meglio lasciarli nel classico tabellone le stramberie dei maestri e dei professori che si arrogano la funzione di docenti e non conoscono neanche le leggi della nostra amata repubblica, almeno così si dimenticano presto torti ed errori anche in buona fede.



(uso XP perchè win98 non si installa) 
PS: non sono un dipendente dello sbonzor quindi è necessario un "per favore" alla richiesta e un "grazie" alla risposta, sempre! PPS: non scrivo mai per primo in MP, in caso contrario chiedimi una conferma, Grazie.

mau_develop

  • Visitatore
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #6 il: 19 Giu 2011, 21:40:46 »
a scuola espongono i tabelloni (come ai miei tempi :(  ) e chiunque li può leggere?
se entra un pincopallino qualsiasi è autorizzato a leggerli?
se sono due si vai tranquilla, solitamente la norma virtuale rispecchia quella reale.
M,
« Ultima modifica: 19 Giu 2011, 21:43:36 da mau_develop »

Offline jeckodevelopment

  • Administrator
  • Instancabile
  • *****
  • Post: 5646
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Jecko Development
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #7 il: 20 Giu 2011, 12:38:21 »
in molti licei usano esporre i quadri sul portone. In caso di "sospensione di giudizio" si trova scritto "giudizio sospeso" e viene inviata a casa la lettera indicante i debiti formativi. In caso di bocciatura accanto al nome si trova la dicitura "Non ammesso".
Chiunque può leggerli, la privacy sembra non esistere in questi casi.
Ad ogni modo, pubblicarli online credo sia ancora peggio.

Ma non si dovrebbe utilizzare il sistema online "scuolamia" del ministero? dove ogni genitore accede e vede i dati del proprio figlio?

mau_develop

  • Visitatore
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #8 il: 20 Giu 2011, 13:08:08 »
Ad ogni modo, pubblicarli online credo sia ancora peggio
--------------------------------------------------------
mmhh non sono così d'accordo... ma è un parere mio e non legge, ma potresti aver usato quella come fonte o comunque citarne la provenienza.
Il ragionamento che mi faccio è che io non posso materialmente sapere se ciò che vedo è autorizzato, non essendo nemmeno proibito, lo vedo in un luogo pubblico, nessuno se ne lamenta....

D'altronde ricordate il famoso master della Santanché? nessuno ha denunciato nessuno per violazioni di privacy, solo per diffamazioni etc. anzi è stato il rettore che alle interviste ne svelava i veri risultati.

M.

Offline rastaazze

  • Esploratore
  • **
  • Post: 129
    • Mostra profilo
    • paid to write
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #9 il: 02 Lug 2011, 10:52:46 »
I voti che prendevo all' università sono sempre stati pubblicati online e visibili al mondo. NOn solo, erano anche indicizzati da Google e comparivano bellamente con il  mio nome ( ch enon è porprio mario rossi ) e sono stati online per anni. Nessuno ha MAI detto nulla e trovo la cosa scandalosa. Sto parlando dell'università degli studi di milano bicocca. Per fortuna erano buoni voti!

uik32

  • Visitatore
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #10 il: 02 Lug 2011, 20:00:21 »
Se il mio contributo può essere utile, "Pagine scuola"  http://www.paginescuola.it/ ha pubblicato una nota in data 16/06/2011, nella quale chiarisce un concetto già noto, che gli esiti scolastici degli alunni devono essere pubblicati addirittura nell'albo pretorio on line per dare ufficialità della data di pubblicazione (per i termini di scadenza degli eventuali ricorsi). Il Garante della Privacy si è espresso anche in relazione alla religione chiarendo, con una nota, che la pubblicazione del voto di religione (e quindi anche la pubblicazione di chi non si avvale) non è violazione alla privacy poichè la finalità è quella della trasparenza degli atti scolastici. Attenzione però: le insufficienze non devono essere assolutamente pubblicate.
Per quanto concerne la struttura dell'Albo Pretorio on line per le scuole, ancora non è possibile ufficializzare una gerarchia di sezioni e categorie in quanto, solo a breve i vari organismi (sindacati, associazioni presidi, etc,) si riuniranno per affrontare la questione.

Offline 56francesco

  • Fuori controllo
  • *
  • Post: 29585
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
    • Progetto in costruzione: basta giocare e facciamo sul serio.
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #11 il: 02 Lug 2011, 20:06:13 »
Citazione
che la pubblicazione del voto di religione (e quindi anche la pubblicazione di chi non si avvale) non è violazione alla privacy poichè la finalità è quella della trasparenza degli atti scolastici.

la privacy è un diritto della umanità riconosciuto, la trasparenza degli atti scolastici invece no e semmai dovrebbero pubblicare le delibere di spesa e anche altro per trasparenza.
ma da questo paese che scheda le persone e prova a bloccare la rete un giorno si e l'altro pure non ci si può aspettare altro.

confermo, se fossi (ancora) un genitore di un minore mi incazzerei fino ad andare in tribunale fino all'aia, li dove ancora regna la civiltà e il rispetto della legalità, compreso il principio della gerarchia delle norme.
a- diritti universali
b. costituzione
c. leggi
...
....
....
ma proprio in fondo, in fondo, in fondo il pensiero di questo garante.
« Ultima modifica: 02 Lug 2011, 20:10:10 da 56francesco »
(uso XP perchè win98 non si installa) 
PS: non sono un dipendente dello sbonzor quindi è necessario un "per favore" alla richiesta e un "grazie" alla risposta, sempre! PPS: non scrivo mai per primo in MP, in caso contrario chiedimi una conferma, Grazie.

uik32

  • Visitatore
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #12 il: 03 Lug 2011, 13:25:21 »
Come ben sai, la legge non segue sempre il comune buonsenso e, spesso, la legge sulla trasparenza sugli atti amministrativi e il D. Lgs. 196/03 (Codice sulla privacy)  sono in apparente "contrasto" normativo. Tuttavia, dato che l'oggetto della discussione è "Pubblicazione scrutini a scuola", mi sono permesso di indicare al forum quelle che sono le norme, condivisibili o meno, che regolano la pubblicazione degli atti degli scrutini di fine anno scolastico, norme alle quali bisogna attenersi.
Se può servire, quando il D. Lgs. 196/03 divenne obbligo, ci furono varie "interpretazioni" di Presidi e Docenti in merito alla pubblicazione sui quadri di fine anno del voto di Religione (e quindi anche della pubblicazione dei nominativi  di chi non si avvale), poichè si sarebbe effettuata, di fatto, la diffusione di dati sensibili. Come ho già detto precedentemente, fu proprio il Garante della Privacy a chiarire una volta per tutte che i voti di religione e, quindi, i nominativi di chi non si avvale, devono essere pubblicati sui quadri di fine anno.
 

Offline rastaazze

  • Esploratore
  • **
  • Post: 129
    • Mostra profilo
    • paid to write
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #13 il: 03 Lug 2011, 13:33:47 »
Comunque sia, legge o non legge, a me ha dato molto fastidio che l'esito di quasi ogni mio esame universitario fosse rimasto visibile al mondo anche dopo la mia laurea  ( per anni ) e fatico tutt'ora a trovarne il senso. Spero che le cose siano cambiate.

uik32

  • Visitatore
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #14 il: 03 Lug 2011, 14:51:40 »
Questo con le norme non c'entra: probabilmente se tu avessi chiesto chiarimenti alla sede universitaria sulla questione, avrebbero (poichè scaduti i termini) tempestivamente tolto i tuoi voti dalla pubblicazione on line con una nota di scuse a tuo favore. Ma questo è un altro discorso ....

uik32

  • Visitatore
Re:Pubblicazione scrutini scuola
« Risposta #15 il: 03 Lug 2011, 15:12:36 »
 Se può essere utile, allego  il seguente Comunicato ufficiale:
 
 
 Nota prot. n. 10642 del MIUR
 
 GARANTE DELLA PRIVACY
 Comunicato stampa - 03 dicembre 2004
 "Molte falsità sulla privacy a scuola". Il Garante: una leggenda metropolitana
 "Non è vero che i voti scolastici devono restare segreti, non è vero che gli studenti devono
 'nascondere' la propria fede religiosa, non è vero che i risultati degli scrutini devono rimanere
 clandestini". Secca smentita del Garante alle notizie del tutto infondate riguardanti la privacy
 nelle scuole.
 Notizie che, nonostante le pronte e numerose precisazioni del Garante, non smettono di essere
 riportate anche da quotidiani a carattere nazionale, senza le necessarie verifiche. L'Autorità
 (Stefano Rodotà, Giuseppe Santaniello, Gaetano Rasi, Mauro Paissan) ritiene, dunque, doveroso
 chiarire in maniera decisa ancora una volta che tali notizie non sono vere. Siamo di fronte a una
 vera e propria leggenda metropolitana.
 Non esiste alcun provvedimento del Garante che imponga di tenere segreti i voti dei compiti in
 classe, delle interrogazioni o gli scrutini, né di consegnarli agli alunni in busta chiusa.
 Mai, in nessun caso, un tale provvedimento è stato preso, né, tanto meno, esso è previsto
 dall'attuale legge in vigore, il Codice in materia di tutela dei dati personali entrato in vigore il
 primo gennaio di quest'anno.
 Dal 1997 il Garante si sforza, anche con comunicati stampa, di ricordare che i risultati degli
 scrutini ? che non sono, peraltro, dati sensibili, soggetti a speciali tutele - devono essere al
 contrario pubblicati anche dopo l'avvento della normativa sulla privacy, essendo ciò previsto da
 una specifica disciplina in materia e rispondendo a principi di trasparenza.
 Il 9 febbraio di quest'anno, un'ordinanza del Ministro per l'istruzione ricorda peraltro che anche i
 punteggi attribuiti come crediti scolastici a ciascun alunno sono pubblicati nell'albo degli istituti,
 unitamente ai voti conseguiti in sede di scrutinio finale. In ciascun albo va anche pubblicato
 l'esito degli esami, "con la sola indicazione della dizione non promosso nel caso di esito
 negativo". Analoghe soluzioni sono state indicate in passato in varie ordinanze ministeriali del
 2001 e del 2003 .
 Così come non esiste alcun provvedimento del Garante che proibisce agli alunni di rendere nota
 la fede religiosa o che ostacola le soluzioni da tempo in atto per la partecipazione o meno degli
 alunni all'ora di religione. Il necessario rispetto della volontà di ciascuno di mantenere riservate
 alcune informazioni sulla propria persona, infatti, non va confuso con la libertà,
 costituzionalmente protetta, di ognuno di manifestare liberamente le proprie convinzioni, anche di
 natura religiosa.
 Per quanto riguarda, infine, supposti regolamenti privacy da adottare da parte delle scuole,
 nessun istituto scolastico secondario dovrà o potrà dotarsi a proprio piacimento di un
 regolamento sui dati "sensibili". Il "Codice" contiene già regole chiare e ciò che manca al
 riguardo è solo un unico regolamento attuativo ministeriale che dovrà conformarsi ad un parere
 del Garante.
 La privacy ha costituito a volte il pretesto per improprie note di colore o è stata utilizzata come
 un alibi per non applicare altre disposizioni di legge. Una corretta informazione è quindi
 importante.
 Roma, 3 dicembre 2004
 

 

Host

Torna su