Autore Topic: Proviamo a scoprire in quanti bloccano le pubblicità sui nostri siti  (Letto 2489 volte)

Offline alexred

  • Fuori controllo
  • *
  • Post: 25672
  • Sesso: Maschio
  • Esperto in ozio relaxed
    • Mostra profilo
Le varie forme di pubblicità sui siti Internet sono spesso parecchio invadenti e fastidiose. Alcune testate di informazione ed intrattenimento stanno certamente esagerato sparando inesorabilmente banner, video in autoplay, immagini a tutto schermo, sfondi cattura click ecc...
Gli utilizzatori si difendono con sistemi che bloccano le pubblicità durante la navigazione (Adblock) togliendole però in questo modo anche a quei siti che ne fanno un uso corretto minando così una delle poche fonti di sostentamento per chi pubblica sul web.
Cerchiamo di capire meglio quale sia la percentuale dei navigatori che utilizza questi strumenti di blocco.

Link all'articolo:  http://www.joomla.it/e-ancora/articoli-community-3x/7988-proviamo-a-scoprire-in-quanti-bloccano-le-pubblicita-sui-nostri-siti.html

Offline rcondor

  • Esploratore
  • **
  • Post: 68
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Salve
Penso che sia anche interessante fare un articolo su quanti, come me, bloccano le pubblicita' spam che arrivano nella casella di posta.
Personalmente lo faccio in due modi:
1° Ho creato un indirizzo di posta con email.it (ma si puo' fare con tanti altri server di posta) che utilizzo per le iscrizioni ai siti o registrazioni varie. Una specie di indirizzo-specchietto-per-le-allodole. In quello ricevo TUTTA la posta spam indesiderata.
2° Con Filezilla, ma si puo' fare con qualsiasi altro client di posta, a parte tutti gli altri filtri, uno per ogni argomento, che mi auto-posizionano la posta in cartelle definite (lavoro, clienti,amici ecc.), ho creato un filtro chiamato 'spam', che aggiorno spesso con i nuovi spam (se ne arrivano), che utilizzo per scaricare nel cestino tutte le email indesiderate che contengono il mittente 'colpevole'.
Probabilmente, ma non ho approfondito la cosa, il server di posta permette a monte di creare una serie di filtri, ma personalmente preferisco tenere tutto sotto controllo...
Grazie Roberto Condorelli
Roberto Condorelli

Offline alexred

  • Fuori controllo
  • *
  • Post: 25672
  • Sesso: Maschio
  • Esperto in ozio relaxed
    • Mostra profilo
Ciao rcondor,
credo ci sia una legge in Italia che proibisce l'invio per mail di proposte commerciali non desiderate o non richieste.
Dovrebbero esserci sanzioni ecc...   più che catalogare lo spam che ricevi dovresti denunciare chi te lo invia, così magari smette di farlo.

Offline rcondor

  • Esploratore
  • **
  • Post: 68
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
C'e' una legge in Italia???  :) :) :) :) :) :) DAI....
A parte che :'fatta le legge trovato l'inganno' sai meglio di me che lo 'spam' adesso si chiama 'iscrizione ad una newsletter' (basta mettere un bottone 'subscribe') che puoi disdire o meno (cosi' fai il loro gioco e confermi l'indirizzo e ti arrivano altri 100 iscrizioni a newsletter) ... intanto l'email e' arrivata !!!
Molti email hanno indirizzi inesistenti che ti riportano a siti, di conseguenza difficili da denunciare. ... e poi sai benissimo che quasi NESSUNO si mette li a denunciare lo spam che gli arriva.. dovrebbe fare questo ogni giorno e tutti i giorni....le persone (fortunate) lavorano... :) :) :) :) :)
P.S. Mentre ti scrivo , il mio filtro a cestinato TREDICI email e su ognuna di queste:
---------------------
Si riceve questa email perché sei iscritto al servizio giornaliero di XXXXXXXXX.
Se non si desidera ricevere ulteriori email basta cliccare su questo link. Grazie.
---------
Basta scrivere questo e sei in regola NESSUNO puo' denunciarti! Il mittente puo' sempre dire che qualcuno,un amico scherzoso, ha fatto una iscrizione a tuo nome... e li che fai? Lo 'denunci' e per che cosa? MA DAI !!!!
« Ultima modifica: 13 Nov 2015, 11:54:12 da rcondor »
Roberto Condorelli

Offline tomtomeight

  • Global Moderator
  • Fuori controllo
  • ********
  • Post: 31336
  • Sesso: Maschio
  • Gli automatismi aiutano ma non insegnano nulla.
    • Mostra profilo
Io credo che buona parte dei problemi li puoi risolvere a monte evitando di utilizzare servizi email free, poi certo non risolverai al 100% ma una email del dominio personale o aziendale limita di molto lo spam. Non dico altro per non spostare l'attenzione di questo post che dovrebbe a ragione essere utilizzato per commentare l'articolo di Alex. Magari si può aprire una discussione a parte su questo tema pure importante.

Offline mau2011

  • Nuovo arrivato
  • *
  • Post: 10
    • Mostra profilo
Io utilizzo Adblock Plus da molto tempo e devo dire che è un ottimo prodotto per eliminare la marea di nefandezze che ti si aprono quando navighi in giro per la rete.

Secondo me, per tranquillizzare chi la pubblicità la utilizza in modo lecito, Adblock Plus dovrebbe rendere obbligatorio accettare quella non invasiva senza dare la possibilità di spuntare o meno "Permetti alcune pubblicità non inopportune".

Se uno utilizza la pubblicità in modo non invasivo non vedo perchè non deve essere accettata da Adblock Plus, in modo da sostenere poi chi dietro ci lavora veramente e seriamente.

Il lavoro di Adblock Plus dovrebbe essere proprio questo dividere la pubblicità invasiva da quella non invasiva e renderla obbligatoria in modo da soddisfare tutte le parti tranne i furbetti  :) .

Offline alexred

  • Fuori controllo
  • *
  • Post: 25672
  • Sesso: Maschio
  • Esperto in ozio relaxed
    • Mostra profilo
il lavoro di Adblock Plus è quello di incassare denaro da chi non vuole vedere bloccare le proprie pubblicità dal suo sistema. Già sono uscite notizie, da Microsoft a Google passando per Amazon pare che pagano per fare in modo che il filtro di Adblock Plus sia più gentile con le loro pubblicità.

Offline tomtomeight

  • Global Moderator
  • Fuori controllo
  • ********
  • Post: 31336
  • Sesso: Maschio
  • Gli automatismi aiutano ma non insegnano nulla.
    • Mostra profilo
A proposito di farsi pagare per non mettere pubblicità si sta muovendo pure google con la campagna 'contributor' mi sembra di aver capito che se non vuoi ricevere o limitare la pubblicità durante la navigazione devi dare un contributo e parte di questo contributo va anche ai pubblisher, cioè li pagano per non far mettere la pubblicità ed il navigatore paga per non vederla. Bel commercio sul nulla, davvero geniali.

 

Host

Torna su